Fermiamo la distruzione dei fiumi in America Latina – 20 marzo

Le multinazionali dell'idroelettrico, prima fra tutte l'italiana ENEL, stanno conducendo un'aggressiva battaglia per costruire centinaia di impianti idroelettrici in tutto il continente. Dalla Patagonia cilena alle terre indigene del Guatemala, dalla Colombia all'Amazzonia, grazie ai meccanismi del protocollo di Kyoto oggi le multinazionali possono avere doppi guadagni dal settore idroelettrico. I risultati sono: distruzione degli ecosistemi, delle economie locali, violazioni dei diritti delle comunità indigene e contadine. Come costruire una campagna di resistenza globale?