In diretta da Blockupy Frankfurt

da Francoforte - Luca Manes (CRBM) La protesta di Blockupy a Francoforte, davanti alla Banca Centrale Europea, è variopinta e festosa, ma anche molto determinata. La situazione ha dei tratti surreali, davanti ai manifestanti che cantano e ballano, scandendo slogan come "This is what democracy looks like!", c'è uno schieramento imponente di forze dell'ordine.

Incontro con Occupy London

[di Luca Manes] Nella spianata della St Paul’s Churchyard sono circa 200 le tende di Occupy London sferzate dal vento freddo che sale dal Tamigi, a pochi metri da uno dei luoghi simbolo della capitale inglese. È ormai oltre un mese, per l’esattezza dalla fatidica data del 15 ottobre, che gli attivisti hanno messo in piedi il loro accampamento, nonostante la totale avversione della City of London Corporation.

La BEI non vuol dire trasparenza

[di Luca Manes] Si chiama Aid Transparency Index ed è stato appena pubblicato dall’organizzazione no profit inglese Publish What You Fund. È il nuovo strumento che analizza il grado di trasparenza – o di opacità – delle istituzioni finanziarie internazionali. Delle 58 entità esaminate, due sono di particolare rilievo per i cittadini europei: la Banca europea per gli investimenti (BEI) e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS).

La Banca alla conquista dell’acqua

[di Luca Manes] La Banca mondiale ha una nuova missione: quella di privatizzare i settori idrici di tutti i Paesi dell’orbe terracqueo. Per farlo ha messo in piedi una partnership con le principali multinazionali coinvolte nel business dell’acqua, tra le quali figurano Veolia, Coca Cola e Nestlé.

L’ossimoro del petrolio etico

[di Luca Manes] Si chiama "Ethical Oil" (ethicaloil.org) ed è il sito web che prova a smacchiare le abbondanti chiazze che lo sfruttamento delle sabbie bituminose spande sulle autorità canadesi e sulle compagnie coinvolte nell'estrazione della controversa risorsa dal sottosuolo dell'Alberta.

« Articoli precedenti